Isola di Rab

Arbe – isola e Arbe – città si trovano nel golfo del Quarnaro, nella parte settentrionale del mare Adriatico. Arbe e gli isolotti che la circondano sono in una posizione particolarmente favorevole sia per i turisti provenienti dall’Europa che dalla Croazia. Arbe è da tempo meta turistica rinomata, addirittura già nel 1889 fu proclamata dal Consiglio comunale destinazione turistica e di cura. Questo diede una spinta all’apertura dei primi hotel arbesi. Oggi Arbe è famosa ed orgogliosa di una tradizione turistica di oltre 120 anni.

Isola di Arbe

L’isola di Arbe è lunga 22 chilometri, e nella parte più larga misura un’ampiezza di 10 chilometri. Le sue condizioni microclimatiche sono particolarmente favorevoli allo sviluppo del turismo. La temperatura media annuale è pari a 14,9 °C, il che è caratteristico delle zone di passaggio tra il clima continentale e mediterraneo. Il numero medio annuo di ore di sole è pari a 2.417.

 Sull’isola di Arbe si trovano sette insediamenti: Banjol, Barbat, Kampor, Lopar, Mundanije, Palit, la città di Arbe e Supetarska Draga, ed è caratteristico che tutti siano rivolti verso sud ovest e situati in aree riparate dalla bora.  

 Il nome Arbe deriva dall’illirico Arba che significa “boscoso“, “verde”. L’isola ha mantenuto questa sua caratteristica e ancora oggi un quarto della sua superficie è ricoperto di vegetazione boscosa.

 Come luogo turistico si distingue particolarmente Lopar, popolare grazie alle sue spiagge sabbiose tra le quali la più famosa è la Rajska plaža (Spiaggia paradisiaca) San Marino.

Storia di Arbe

Oggi facente parte della Croazia, l’isola di Arbe in passato ha avuto numerosi conquistatori e governanti. Popolata sin dalla preistoria, la città di Arbe viene nominata per la prima volta nel 360 a. C. quando viene abitata dagli Illiri. L’isola a quel tempo era al confine tra Liburnia e Dalmazia.  Dal III sec. a. C. fino al V sec. fu parte dell’Impero romano, e nell’anno 10 l’imperatore Augusto le conferì lo status di municipalità. La città allora si chiamava Arba e fu la prima città della provincia romana della Dalmazia a ricevere il prefisso “felix”. Felix Arba – Felice Arbe. 

Nato ad Arbe, San Marino scappò in seguito alle persecuzioni verso i cristiani al tempo dell’Impero romano e fondò dall’altra parte dell’Adriatico lo stato-città di San Marino. 

Al termine dell’età antica l’isola di Arbe fece parte dell’Impero bizantino, e poi del regno croato. Dal secolo XIV al XVIII Arbe è stata sotto dominio veneziano, quindi governata dalla Monarchia asburgica sino alla sua caduta nel 1918 (eccetto una breve dominazione francese all’inizio del secolo XIX). Dal 1921 Arbe è parte costituente del Regno di serbi, croati e sloveni, in seguito Regno di Jugoslavia. Ad esso segue la Jugoslavia socialista, e dal 1991 Arbe fa parte della Repubblica di Croazia. 

Poche sono le tracce rimaste dell’antica Arbe, la città come la conosciamo oggi è sorta nel medioevo. Risalgono a questo periodo anche le quattro torri che conferiscono alla città un aspetto peculiare e che sono diventate simbolo sia della città di Arbe che dell’isola di Arbe